Studio Tomaino

Da oltre 45 anni, con serietà e competenza, operiamo al fianco delle Aziende e ci occupiamo di tutte le tematiche inerenti la Consulenza del Lavoro, l’amministrazione e la gestione del personale offrendo ai nostri Clienti servizi di alta qualità professionale nel campo del diritto del lavoro, del diritto sindacale e della legislazione sociale e previdenziale.

 

La consolidata esperienza e le competenze maturate nei vari settori della consulenza, ci consentono di gestire efficacemente tutte le problematiche della professione.

 

Aumento della soglia dei Fringe benefits per l'anno 2022

Il Decreto Aiuti-quater ha previsto che per l'anno 2022 non concorrono a formare il reddito oltre che il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati ai lavoratori dipendenti anche le somme erogate o rimborsate ai medesimi dai datori di lavoro per il pagamento delle utenze domestiche del servizio idrico integrato, dell’energia elettrica e del gas naturale entro il limite complessivo di euro 3.000.

 

Tra i beni e servizi soggetti al limite di esenzione contributiva e fiscale rientrano ad esempio, i buoni acquisto e i buoni carburante, i generi in natura prodotti dall’azienda, l’auto ad uso promiscuo, l’alloggio concesso in locazione, in uso o in comodato, i prestiti aziendali, l’uso di specifici beni di proprietà dell’azienda quali telefono aziendale, pc, tablet, polizze assicurative extra professionali, ecc.

 

Per quanto concerne, invece, le somme che beneficiano dell’esenzione fino a euro 3.000, si tratta di quelle erogate o rimborsate per il pagamento delle utenze domestiche del servizio idrico integrato, dell’energia elettrica e del gas naturale relative ad immobili ad uso abitativo posseduti o detenuti, sulla base di un titolo idoneo, dal dipendente, dal coniuge o dai suoi familiari.
Sono, inoltre, ricomprese le utenze per uso domestico (ad esempio quelle idriche o di riscaldamento) intestate al condominio ma ripartite fra i condomini (per la quota rimasta a carico del singolo condomino) e quelle per le quali, pur essendo le utenze intestate al proprietario dell’immobile (locatore), nel contratto di locazione è prevista espressamente una forma di addebito analitico e non forfetario a carico del lavoratore (locatario).

 

In tal caso a supporto dell’erogazione delle somme in oggetto, il datore di lavoro deve acquisire e conservare la documentazione che giustifica la spesa sostenuta per le utenze o in alternativa acquisire una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, con la quale il lavoratore richiedente attesti di essere in possesso della documentazione comprovante il pagamento delle utenze domestiche, di cui riporti gli elementi necessari per identificarle (numero e intestatario della fattura, tipologia di utenza, importo pagato, data e modalità di pagamento). A tal fine trova in fondo alla presente comunicazione una bozza di autocertificazione che potrà essere compilata dal lavoratore.

 

Tali fringe benefits possono essere corrisposti dal datore di lavoro anche al singolo lavoratore e l'erogazione di tali buoni o il rimborso delle somme risulta pertanto esente da imposizione fiscale e previdenziale.

 

Nel caso in cui, in sede di conguaglio, il valore dei beni o dei servizi prestati nonché le somme erogate o rimborsate per il pagamento delle utenze domestiche risultino superiori a euro 3.000, andrà assoggettato a tassazione l’intero importo corrisposto, dunque, anche la quota di valore inferiore al predetto limite.

 

Tali buoni o somme possono essere erogati nelle mensilità di competenza dell'anno 2022 (tipicamente Novembre, Tredicesima e Dicembre purchè pagate entro il 12 gennaio 2023) e qualora l'azienda voglia procedere in tal senso invitiamo a comunicarlo allo Studio affinchè possano essere effettuati i dovuti adempimenti.

 

 

Le nuove regole per lo Smart working dal 1° settembre 2022

Con il termine smartworking si fa riferimento alla modalità di lavoro agile, che consente di favorire l’incremento della competitività e agevolare la conciliazione dei tempi di vita e lavoro, grazie all’unione tra le esigenze del datore di lavoro e del lavoratore, a prescindere dalla tipologia di contratto.

Assegno Unico Universale dal 1° marzo 2022: il nuovo sito con tutte le informazioni

E' online il nuovo sito dedicato www.assegnounicoitalia.it con tutte le risposte alle domande più frequenti relative all'assegno unico e universale che debutterà dal 1° marzo 2022.

La misura spetterà su base mensile, per il periodo compreso tra marzo di ciascun anno e febbraio dell’anno successivo, ai nuclei familiari in base all’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) e sostituirà le attuali previsioni di sostegno alle famiglie e alla natalità (con la sola eccezione del bonus nido).

Si invitano le Aziende a dare ampia comunicazione ai propri dipendenti poichè tale modifica avrà un impatto rilevante sulla propria busta paga.

Come cambierà la busta paga da gennaio 2022

La Legge di Bilancio 2022 introduce, a decorrere dal periodo d’imposta 2022, modifiche rilevanti al regime di tassazione del reddito delle persone fisiche.
In particolare:

Nuovo obbligo di comunicazione per lavoratori occasionali

E' stato introdotto a far data dal 21 dicembre u.s. un nuovo obbligo di comunicazione preventiva per l'impiego di lavoratori autonomi occasionali, ossia i lavoratori inquadrabili nella definizione contenuta all’art. 2222 c.c. riferito alla persona che “si obbliga a compiere verso un corrispettivo un'opera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente” e sottoposti, in ragione dell’occasionalità dell’attività, al regime fiscale di cui all’art. 67, comma 1 lett. l), del D.P.R. n. 917/1986 (la cosiddetta ritenuta d'acconto del 20%).

Assegno unico universale da marzo 2022: quanto spetta e chi può chiederlo

Debutterà il 1° marzo 2022 il nuovo assegno unico e universale per i figli a carico, spettante su base mensile, per il periodo compreso tra marzo di ciascun anno e febbraio dell’anno successivo, ai nuclei familiari in base all’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE).

La misura sostituirà le attuali previsioni di sostegno alle famiglie e alla natalità (con la sola eccezione del bonus nido).

Aggiornamento Green Pass sui luogo di lavoro: novità e documenti utili

A seguito dell'evoluzione normativa ed all'approssimarsi dell'introduzione dell'obbligo si allegano alcune bozze di documenti utili alla gestione della verifica del Green pass sui luoghi di lavoro (i documenti possono essere adattati alla propria realtà aziendale ed alla modalità scelta per la verifica del Green Pass).

Quali documenti servono per assumere un dipendente?

E' questa la domanda che spesso ci viene posta quando un'Azienda vuole procedere all'inserimento di un nuovo lavoratore.

Per rispondere a questa richiesta abbiamo predisposto una procedura compilabile online per agevolare la comunicazione dei dati allo Studio.

Un percorso guidato permette l'inserimento delle informazioni richieste con la possibilità di allegare la documentazione necessaria.

Colf e Badanti tra i 10 lavori più richiesti nel 2020

L’influenza dell’impatto emergenziale ha inciso sul concetto di attività ritenuta essenziale, risulta così che tra le 10 professioni a media qualifica più ricercate del 2020 figurano: l’operatore socio-sanitario, il contabile, lo specialista del credito, il consulente di vendita e la Badante.

Soffermandosi sui numeri, quest’ultima professione è passata in Italia da 848.987 unità impiegate fino a superare di recente quota 1.000.000.



Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme è un progresso,
lavorare insieme è un successo. (Henry Ford)

Contatti

  • Rivarolo Canavese - TO
    Viale F. Berone, 12 -10086
  • Tel. 0124 640140

PIXEL_TEXT_LEGAL PIXEL_LINK_LEGAL_TEXT